Sister-hood: un web-magazine per dare voce alle donne dell’Islam

  • 21 maggio 2016

The filmmaker honoured with an Emmy, Deeya Khan, founded a new online magazine in order to give space to the female voices of Islam: it’s ‘Sister-hood’, on line officially after months of gestation.
The web-magazine collects and offers the most diverse items of female Islamic world: “those women who – says the editorial – stoves to be part of the news as victims, as jihadi brides, or wearers of the veil and hijab, link to return to the centre of the debate.”
The information site will collect testimonies, like the one who publishes a woman excluded from the funeral of his father, courageous stances (such as the testimony of feminist who took off her veil for one day) news and debates.
Deeya Khan, of Afghan origin, but grew up in Norway, explained that Sisterhood is an attempt to keep alive the history of the rights and those who fought for them, to claim the ideas that today, in the silence of women’s voices and empty d ‘information, seem radical. The creator of the site is not new to such initiatives. In 2007, the director had launched a music sharing platform for young Muslim artists. Gestures to his revolutionary way, for there were many in the Arab world believe that women should be relegated to the feminine boundaries outlined by the Orthodox.
In 2015, moreover, the Khan has organized an international conference in Oslo to celebrate creativity and activism of women in the Islamic world. From the response she decided to invest in another initiative: Sister-hood. Among his collaborators include religious practitioners, former devotees, but also agnostic. Deeya Khan writes: “I always ask: what happened to the women’s resistance against injustice, political oppression or religious they are? Here we go, we are always been here.” Backed by Fuuse, the company’s director of productions, this new editorial project is based on voluntary funds, but since it is a non-profit project does not host advertising.
Currently on the site you can read the articles, among others, the Egyptian writer Nawal el-Sadaawi, an icon of the Arab feminism, the Israeli journalist naturalized Italian, Rula Jebreal, the professor of international law Karima Bennoune, of Algerian origin, with the chair in California, the US Muslim blogger Amani, Sanam Nuraghi-Anderlini, co-founder of ICAN, the International civil action Network society, active organization in the Middle East and northern Africa against extremism and militarism, the British blogger Halima Begum and of ‘Pakistani artist Sabba Khan.
The initiative of the Norwegian director is part of a very complicated picture. The protection of women’s rights under Islam, unfortunately, despite the cultural differences between different countries and more or less extremist views, is still far from universally recognized standards.
A recent survey was carried out by an American independent researcher, Pew Center, which carried out 38,000 interviews with “visually” in 39 nations. In 20 of the 23 countries in which it was asked whether a woman should always obey her husband at least half of the respondents said yes, with high percentages in Southeast Asia, South Asia, Middle East and North Africa. The largest number of yes is in Malaysia (96%), followed by Afghanistan (94%), Tunisia and Indonesia (93%), Morocco and Iraq (92%). Egypt is 85%, Lebanon 74%. In Central Asia data are not homogeneous. It ranges from 89% in Tajikistan, 65% in Turkey to 51% in Kazakhstan. Only among European Muslims the music is different. If Russian Muslims are no exception peaking above half so, (69%), Bosnia is at 45%, Albania and Kosovo to 40% to 34%. Things are better to the question must be women to choose to wear the veil? Yes I highly dominant in Europe (in Bosnia we are at 92% to 91% in Kosovo, in Albania 85%, Russia 65%) but also in Central Asia (Turkey is 90%) and Southeast Asia (Indonesia and Thailand 79%, Malaysia 77%), while South Asia is split: 70% of Pakistan is facing a 56% of Bangladesh and above 30% of Afghanistan, where the veil in its most extreme version, the burka, it is still very popular.
In the Middle East and North Africa in the face of an 89% yes in Tunisia and 85% in Morocco, we have 53% in the Palestinian Territories, 46% in Egypt and 45% in Iraq. Sub-Saharan Africa is the only region where the majority of Muslims think that the right of choice on the veil is not for women. With the exception of Senegal (58%) all the other countries are below 50%: Mali 42%, Kenya 41%, Niger 34%, Cameroon 33%, Nigeria 30%, and the Democratic Republic of Congo 29% (where Muslims they are largely minority, less than 4%, but are evidently radicals). Divorce in 13 of the 22 countries in which was placed the demand at least half the Muslims polled said that a woman has the right to divorce. The opinion is widely prevalent among European Muslims (94% Bosnia, Albania 84%, Russia 60%) and Central Asia (Turkey 85%), but not among the Muslims in the rest of Asia (Indonesia 32%, Pakistan 26%, Malaysia 8%, with the exception of Bangladesh, 62%). Split the Middle East / North Africa. Despite an 81% favourable in Tunisia and 73% in Morocco, Egypt and Jordan are at 22% and 14% in Iraq. Note that in many countries (72% Liberia, Pakistan, Mali, Ethiopia, 71%), divorce as such is defined morally wrong, a percentage that falls in others (6%

Egypt, Lebanon 8% Iraq 26%).
With regard to inheritance rights, only 12 countries out of 23 the response of the majority is that they must be the same for male and female children. If Turkey we are at 88% and Indonesia at 76%, in Pakistan, it falls to 53%, Lebanon 35%, in Afghanistan to 30%, Egypt 26%, Iraq 22%. And in Morocco and Tunisia just 15%.

10 Maggio: Giornata mondiale uccelli migratori

  • 13 maggio 2016

La Giornata Mondiale degli Uccelli Migratori, lanciata nel 2006, è una campagna di sensibilizzazione celebrata annualmente per ispirare, a livello globale, la salvaguardia degli uccelli migratori e dei loro habitat naturali. Istituita nel 2006 per sensibilizzare sull’importanza della tutela degli uccelli migratori, la Giornata mondiale è organizzata da due istituzioni internazionali, Cms (Convenzione sulla conservazione delle specie migratrici selvatiche) e Aewa (Accordo sulla conservazione degli uccelli migratori africani, europei e asiatici), che operano sotto l’egida del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (Unep) – ricorda il Ministero dell’Ambiente. La giornata aveva quest’anno come slogan “e quando i cieli diverranno silenziosi?”. Una domanda che fa riferimento ai milioni di uccelli migratori che scompaiono con sempre maggiore frequenza a causa di uccisioni, catture, commerci illegali e altre minacce alla biodiversità. L’apporto degli uccelli migratori al nostro capitale naturale è purtroppo messo a rischio dalla mano dell’uomo.

La Lipu, in occasione della Giornata mondiale degli uccelli migratori 2016, ha pubblicato lo studio “Preliminary assessment of the scope and scale of illegal killing and taking birds in the Mediterranean”, già comparso su Bird Conservation International, dal quale emerge che sono 25 milioni gli uccelli selvatici catturati o uccisi nell’intera regione del Mediterraneo. Nell’articolo gli autori presentano una dettagliata analisi su quanti uccelli e quali specie subiscono un impatto a causa della caccia illegale, dove si trovano le 20 peggiori aree del Mediterraneo per la caccia illegale (ove avviene la cattura o l’uccisione di 8 milioni di uccelli) e perché diverse specie vengono prese di mira nei singoli Paesi.
Il report The killing pubblicato (in anteprima) lo scorso agosto evidenzia che sono venti aree a maggior intensità di caccia illegale concentrate in quattro Paesi: Cipro, Egitto, Libano e Siria. Il più alto numero di uccelli catturati o uccisi nella regione del Mediterraneo si registra in Egitto con 5,7 milioni, poi in Italia, e Siria 3,9 milioni.
I dati sull’Italia, spiega la Lipu, parlano di una strage di fringuelli (tra i due e i tre milioni), pispole (500/900mila esemplari), pettirossi (300/600mila), frosoni (200mila/1 milione) e storni (100/500mila).
Nel bel Paese, le aree in cui l’illegal killig è più intenso sono il Sulcis in Sardegna (126.000 uccelli abbattuti l’anno), il bresciano (112.000), e il delta del Po (84.000). Ma “i risultati della Lipu ottenuti a Brescia e nel Sulcis, con i campi antibracconaggio, rischiano di essere a breve vanificati se non si proseguirà nel costante controllo del territorio e nella prevenzione dei reati venatori” mette in guardia Capria.
Le specie minacciate di estinzione più colpite dalla caccia illegale nel nostro Paese sono l’anatra marmorizzata, da 1 a 5 esemplari colpiti (pari 50% della popolazione nidificante), il nibbio reale, da 50 a 150 esemplari coinvolti (pari al 30% della popolazione nidificante) e il capovaccaio, tra 1 e 5 esemplari colpiti (20% popolazione nidificante). Gli uccelli colpiti dalla caccia illegale, tra le altre, includono la capinera (1,2-2,4 milioni di individui ogni anno), la tortora selvatica (tra le 300mila e le 900mila) e il tordo bottaccio (tra i 700mila e 1,8 milioni). In molti casi, i numeri sono stati ricavati in base all’uso di reti “mist-nets”, di trappole utilizzate per l’uccellagione, di rametti (in inglese “limesticks”) cosparsi di colla per la cattura di piccoli uccelli e dai ricoveri nei centri per il recupero della fauna selvatica.
L’apporto degli uccelli migratori al nostro capitale naturale è purtroppo messo a rischio dalla mano dell’uomo. Il ministero dell’Ambiente guidato da Gian Luca Galletti, già impegnato su vari fronti per la loro tutela, convocherà a breve una Conferenza per definire e adottare, insieme con il ministero dell’Agricoltura, le Regioni, le Forze dell’Ordine, le associazioni ambientaliste e venatorie, ulteriori misure necessarie per contrastare il fenomeno.
Esistono 2.000 specie di uccelli migratori – ricorda il ministero – , il 20% di tutte le specie conosciute, e migrano regolarmente. Più del 40% è in declino e quasi 200 sono minacciate. Dal 1980 il numero di fanelli è dimezzato, mentre gli uccelli dei terreni agricoli hanno perso, nello stesso periodo, più di 300 milioni di esemplari. Ogni anno milioni di uccelli vengono uccisi dalle reti lungo le coste del Nordafrica.
Ma la Lipu aggiunge un nostro triste primato: «Il più alto numero di uccelli catturati o uccisi nella regione del Mediterraneo si registra in Italia (tra i 3,4 e i 7,8 milioni di uccelli), Egitto (tra i 700mila e i 10,6 milioni), e Siria (tra i 2,9 e i 4,9 milioni). La massima densità di uccisioni/catture si registra invece a Malta (tra i 18 e i 667 uccelli ogni anno per chilometro quadrato), Cipro (146-351 per chilometro quadrato) e Libano (161-335 uccelli per chilometro quadrato)». Gli uccelli colpiti dalla caccia illegale, tra le altre, includono specie come il fringuello (2,9 milioni di esemplari uccisi ogni anno), la capinera (1,2 – 2,4 milioni), la quaglia (1,6 milioni), il tordo bottaccio (1,2 milioni), la tortora selvatica (tra le 300mila e le 900mila) e il tordo bottaccio (tra i 700mila e 1,8 milioni), oltre a specie classificate come Vulnerabili dalla Lista rossa come il chiurlo maggiore.
Claudio Celada, direttore dipartimento di conservazione natura della Lipu-BirdLife Italia, sottolinea a sua volta: «Gli uccelli selvatici, un immenso patrimonio di tutti e che non conosce confini nazionali o internazionali si meritano delle rotte migratorie, dette flyways, più sicure. Chiediamo dunque che l’Europa e l’Italia, quest’ultima in particolare con un Piano antibracconaggio nazionale e un inasprimento delle norme, incrementino gli sforzi per la conservazione e la condanna delle illegalità, prima che sia troppo tardi».
Willem Van den Bossche, coautore dell’articolo e responsabile della conservazione della Flyway per Europa e Asia Centrale per BirdLife Europa, aggiunge: «E’ allarmante scoprire che nonostante l’impatto positivo della legislazione europea, metà dei 10 Paesi a più alta intensità di caccia illegale sono membri dell’Unione europea – Ciò indica la necessità di sforzi maggiori per assicurare che la direttiva europea Uccelli sia pienamente implementata a livello nazionale».
Un’altra delle autrici dello studio, Vicky Jones, responsabile Flyway per BirdLife International, evidenzia che «La caccia illegale è un problema di conservazione complesso. Affrontare questo tema richiede azioni a livello locale, nazionale e internazionale, coinvolgendo le forze dell’Ordine, la Magistratura, le associazioni venatorie, le autorità governative nazionali, le Ong e gli strumenti di politica internazionale».
in Egitto/Libia e a Cipro sono stati redatti i primi Piani d’azione nazionali per combattere la caccia illegale, grazie alle pressioni di un vasto numero di stakeholders, con lo scopo di rafforzare la legislazione e la sua applicazione, sviluppando il monitoraggio e sostenendo gli sforzi per intraprendere azioni a favore di singole specie. Ma Stuart Butchart, coautore della pubblicazione e direttore scienza a BirdLife International conclude: «Lo sfruttamento insostenibile è una delle maggiori minacce agli uccelli mondiali, e buona parte di esso è illegale. Il nostro studio è il primo a compilare stime quantitative dettagliate del problema nel Mediterraneo. L’identificazione da noi operata degli “hot spots” della caccia illegale ci aiuterà a mettere a fuoco gli sforzi da mettere in atto sul campo per fronteggiare questo problema».
I dati diffusi roguardo l’Illegal Killing nel Mediterraneo possono essere così dintetizzati:
uccelli illegalmente uccisi/catturati ogni anno (min – max)
1. Egitto 5,700,000 (741,000 – 10,600,000)
2. Italia 5,600,000 (3,400,000 – 7,800,000)
3. Siria 3,900,000 (2,900,000 – 4,900,000)
4. Libano 2,600,000 (1,700,000 – 3,5000,000)
5. Cipro 2,300,000 (1,300,000 – 3,200,000)
6. Grecia 704,000 (485,000 – 922,000)
7. Francia 522,000 (149,000 – 895,000)
8. Croazia 510,000 (166,000 – 855,000)
9. Libia 503,000 (325,000 – 680,000)
10. Albania 265,000 (206,000 – 325,000)
11. Spagna 254,000 (103,000 – 405,000)
12. Tunisia 139,000 (50,400 – 227,000)
13. Serbia 133,000 (104,000 – 163,000)
14. Montenegro 130,000 (64,000 – 197,000)
15. Malta 108,000 (5,800 – 211,000)
16. Territori Autorità palestinese 89,700 (70,000 – 109,000)
17. Portogallo 82,400 (32,400 – 133,000)
18. Marocco 74,400 (23,400 – 125,000)
19. Turchia 59,100 (24,400 – 93,900)
20. Bosnia ed Erzegovina 34,700 (22,400 – 46,900)
21. Algeria 28,900 (17,500 – 40,300)
22. Slovenia 21,900 (140 – 43,700)
23. Giordania 17,300 (13,000 – 21,600)
24. Macedonia FYR 2,100 (600 – 3,700)
Gibilterra non ci sono stime attendibili
Israele non ci sono stime attendibili.La Journée mondiale des oiseaux migrateurs, lancé en 2006, est une campagne de sensibilisation célébrée chaque année pour inspirer un niveau mondial, la protection des oiseaux migrateurs et de leurs habitats naturels. Créé en 2006 pour sensibiliser à l’importance de la protection des oiseaux migrateurs, la Journée mondiale est organisée par deux institutions internationales, CMS (Convention sur la conservation des espèces migratrices appartenant à la sauvage) et l’AEWA (Accord sur la conservation des oiseaux migrateurs d’Afrique de l’Europe et de l’Asie), opérant sous l’égide du Programme des Nations Unies (PNUE) – rappellent le ministère de l’Environnement. Le jour de cette année avait pour slogan “et quand les cieux deviendront silencieux?”. Une question qui fait référence aux millions d’oiseaux migrateurs qui disparaissent avec une fréquence croissante en raison de meurtres, prises, le commerce illicite et d’autres menaces à la biodiversité. La contribution des oiseaux migrateurs à notre capital naturel est malheureusement compromise par des mains humaines.
Lipu, à l’occasion de la Journée mondiale des oiseaux migrateurs en 2016, a publié l’étude «Évaluation préliminaire de la portée et l’ampleur de l’abattage illégal et de prendre les oiseaux en Méditerranée», déjà apparu sur des oiseaux Conservation International, ce qui montre qu’ils sont 25 millions oiseaux sauvages capturés ou tués dans toute la région méditerranéenne. Dans l’article, les auteurs présentent une analyse détaillée de combien d’oiseaux et les espèces sont touchées en raison de la chasse illégale, où sont les 20 pires zones de la Méditerranée pour la chasse illégale (où la capture ou la mise à mort a lieu de 8 millions oiseaux) et pourquoi différentes espèces sont ciblées dans chaque pays.
Le rapport publié le meurtre derniers spectacles août qui sont vingt zones avec la plus grande intensité de la chasse illégale concentrée dans quatre pays: Chypre, l’Egypte, le Liban et la Syrie. Le plus grand nombre d’oiseaux capturés ou tués dans la région méditerranéenne est inscrit en Egypte avec 5,7 millions, puis en Italie, et la Syrie 3,9 millions.
Les données sur l’Italie, explique le Lipu, parler d’un massacre de pinsons (entre deux et trois millions), pipits (500/900 mille exemplaires), merles (300/600 mille), gros-becs (200 000/1 million) et les étourneaux (100/500 mille).
Smack dans le pays, les zones où la Killing illégale est plus intense sont les Sulcis en Sardaigne (126.000 oiseaux abattus par an), de Brescia (112,000), et le delta du Pô (84.000). Mais “les résultats obtenus dans le Lipu Brescia et Sulcis, avec les camps anti-braconnage, sont susceptibles d’être à court perdu si vous ne continuez pas dans le contrôle constant du territoire et de la prévention des crimes de chasse», prévient Capria.
Les espèces en voie de disparition les plus touchées par la chasse illégale dans notre pays sont la sarcelle marbrée, 1 à 5 spécimens touchés (égale à 50% de la population d’élevage), le cerf-volant rouge, de 50 à 150 spécimens impliqués (30% de la population reproductrice) et le vautour percnoptère, entre 1 et 5 spécimens touchés (population reproductrice de 20%). Les oiseaux touchés par la chasse illégale, entre autres, comprennent la fauvette (1,2000000 à 2,4000000 d’individus chaque année), la tourterelle (entre 300 000 et 900 000) et la grive (entre 700 000 et 1, 8 millions). Dans de nombreux cas, les chiffres ont été calculés sur la base de l’utilisation de “brouillard filets” filets, des pièges utilisés pour le piégeage des rameaux (en “gluaux” en anglais) saupoudré avec de la colle pour attraper les petits oiseaux et admissions dans les centres pour la récupération de la faune.
La contribution des oiseaux migrateurs à notre capital naturel est malheureusement compromise par des mains humaines. Le ministère de l’Environnement dirigé par Gian Luca Galletti, déjà engagée sur plusieurs fronts pour les protéger, doit prochainement convoquer une conférence pour définir et adopter, en collaboration avec le ministère de l’Agriculture, des régions, la police, les associations, les mesures supplémentaires nécessaires environnementales et de chasse pour résoudre le problème.
Il y a 2.000 espèces d’oiseaux migrateurs – rappelez-vous le ministère – sur 20% de toutes les espèces connues, et migrer régulièrement. Plus de 40% est en déclin et près de 200 sont menacés. Depuis 1980, le nombre de fanelli a diminué de moitié, tandis que les oiseaux de terres agricoles perdues dans la même période, plus de 300 millions d’exemplaires. Chaque année des millions d’oiseaux sont tués par les réseaux le long des côtes d’Afrique du Nord.
Mais la Lipu ajoute notre distinction douteuse: «Le plus grand nombre d’oiseaux capturés ou tués dans la région méditerranéenne est enregistrée en Italie (entre 3,4 et 7,8 millions d’oiseaux), l’Egypte (entre 10 et 700 000, 6 millions) et la Syrie (entre 2,9 et 4,9 millions). La densité maximale de morts / catch est enregistrée à la place à Malte (entre 18 et 667 oiseaux par kilomètre carré par an), Chypre (146-351 par kilomètre carré) et le Liban (161-335 oiseaux par kilomètre carré) “. Les oiseaux touchés par la chasse illégale, entre autres, comprennent des espèces comme le pinson (2,9 millions de spécimens tués chaque année), la fauvette (1,2 à 2.400.000), la caille (1,6 million), grive (1,2 million), la tourterelle (entre 300 000 et 900 000) et la grive (entre 700 000 et 1,8 million), ainsi que les espèces classées comme vulnérables par la Liste rouge de l’UICN comme le plus grand courlis.
Claudio Celada, conservation directeur du département de la nature Lipu-BirdLife Italie, a déclaré à son tour: “Les oiseaux sauvages, un immense patrimoine de tous et qui ne connaît pas de frontières nationales ou internationales méritent routes migratoires, appelées voies de migration, plus sûr. Nous demandons donc que l’Europe et l’Italie, ce dernier, en particulier avec un plan anti-braconnage national et un resserrement des règles, devraient accroître leurs efforts pour la protection et la condamnation de l’illégalité, avant qu’il ne soit trop tard “.
Willem Van den Bossche, co-auteur et chef de conservation Flyway pour l’Europe et l’Asie centrale pour BirdLife Europe, ajoute: «Il est alarmant de constater que, malgré l’impact positif de la législation européenne, la moitié des 10 pays ayant la plus forte intensité la chasse illégale sont membres de l’Union européenne – Cela indique la nécessité de redoubler d’efforts pour veiller à ce que la directive Oiseaux européens est pleinement mis en œuvre au niveau national ».
Un autre des auteurs de l’étude, Vicky Jones, chef Flyway pour BirdLife International, a souligné que “La chasse illégale est un problème de conservation complexe. Aborder cette question nécessite une action à l’échelle locale, nationale et internationale, impliquant les forces, le système judiciaire, les associations de chasse, les autorités gouvernementales nationales, ONG et instruments de politique internationale. ”
Egypte / Libye et Chypre ont rédigé le premier plan d’action national de lutte contre la chasse illégale, grâce à la pression d’un grand nombre de parties prenantes, dans le but de renforcer la législation et son application, le développement suivi et d’appui les efforts visant à prendre des mesures en faveur des espèces individuelles. Mais Stuart Butchart, co-auteur de la publication et directeur de la science à BirdLife International conclut: «L’exploitation non durable est une menace majeure pour les oiseaux du monde, et une grande partie est illégale. Notre étude est la première à compiler une estimation quantitative détaillée du problème en Méditerranée. L’identification de nous fait de «points chauds» de la chasse illégale nous aidera à se concentrer sur les efforts à entreprendre dans le domaine pour résoudre ce problème “.
Les données publiées regard l’abattage illicite en Méditerranée peuvent être réassumer:
Oiseaux tués illégalement / capturés chaque année (min – max)
1. L’Égypte 5700000 (741000 – 10600000)
2. Italie 5,600,000 (3,400,000 – 7,800,000)
3. Syrie 3,900,000 (2,900,000 – 4,900,000)
4. Liban 2.600.000 (1.700.000 – 3,5000,000)
5. Chypre 2.300.000 (1.300.000 – 3.200.000)
6. Grèce 704,000 (485,000 à 922,000)
7. France 522.000 (149,000 à 895,000)
8. Croatie 510.000 (166,000 à 855,000)
9. Libye 503,000 (325,000 à 680,000)
10. Albanie 265.000 (206,000 à 325,000)
11. Espagne 254.000 (103,000 à 405,000)
12. La Tunisie 139.000 (50,400 à 227,000)
13. Serbie 133.000 (104.000-163000)
14. Monténégro 130.000 (64,000 à 197,000)
15. Malte 108,000 (5,800 à 211,000)
16. Territoires palestiniens Autorité 89.700 (70,000 à 109,000)
17. Portugal 82.400 (32,400 à 133,000)
18. Maroc 74,400 (23,400 à 125,000)
19. La Turquie 59.100 (24,400 à 93,900)
20. Bosnie-Herzégovine 34.700 (22,400 à 46,900)
21. Algérie 28.900 (17,500 à 40,300)
22. Slovénie 21900 (140 à 43,700)
23. Jordan 17.300 (13,000 à 21,600)
24. ARY de Macédoine 2,100 (600 à 3,700)
Gibraltar il n’y a pas d’estimations fiables
Israël, il n’y a pas d’estimations fiables.

Migranti nel Mediterraneo: i dati dell’ Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

  • 28 aprile 2016

jordan 12 flu game for salejordan 12 flu game for salejordan 12 flu game sizingair jordan 12 flu game for saleair jordan 12 flu game 2016 for salejordan 12 flu game priceair jordan 12 flu game 2016 for saleair jordan 12 flu game 2016 for salejordan 12 flu game for saleair jordan 12 flu game for salejordan 12 flu game 2016 for salejordan 12 flu game 2016 for saleair jordan 12 flu game 2016 for salejordan 12 flu game for salejordan 12 flu game for saleair jordan 12 flu game for saleair jordan 12 flu game 2016 for salejordan 12 flu game for salejordan 12 flu game for salejordan 12 flu game 2016 for saleMigrants arrived in Europe by sea between January 1 and April 25, 2016 are 181,476. A return it the IOM, International Organization for Migration, which monitors the landings along the Mediterranean Sea between the coasts of Spain, Italy, Greece and Cyprus.
In Italy, this figure reaches 24,894 since the beginning of 2016 to the present, 7499, and in particular between 1 and 25 April, to which should be added the 1,130 that are landing at this time in Italian ports where hotspots are active, the identification canters took the European Union and managed by Frontex, the ‘EU Agency for border control. Between 1 and 30 April 2015, in the same period last year, according to Interior Ministry data they had reached 26,228 persons, so in line with what is happening this year.
Since 2006, the International Organization for Migration is working with the Department of Civil Liberties and Immigration of the Ministry and the Italian border authorities in identifying victims of trafficking in human beings arriving by sea. In recent years, the IOM has strengthened this commitment through the signing of appropriate protocols with the Public Prosecutors General of Palermo and Reggio Calabria, and has established close cooperation with the investigating authorities, the national anti-trafficking system, the communities that are part of you and social services of the major municipalities affected by the phenomenon of landings. In 2014, IOM has expanded its activities to assist victims with the creation of two specialized anti-trafficking team, in addition to providing legal guidance to immigrants just landed on the care programs offered by law, carry on business as technical assistance in favour of the operators of the reception canters, the police and all those involved in the management of the phenomenon. These teams composed of anti-trafficking and cultural mediators of the ethnic groups most affected by the phenomenon of trafficking experts alongside IOM staff present since 2006 at major landing sites and government canters for immigration is carried out jointly with UNHCR general information on the Italian legislation on immigration and asylum. The experience gained by the IOM has confirmed the need to establish close cooperation relations with the border authorities, the medical staff and other non-governmental organizations present and engaged at landing sites to optimize the interventions of assistance to migrants and identify with timing the vulnerable deserve protection. In 2014 the number of migrants arrived on Italian shores has been a significant increase over previous years, with over 170,000 people landed: four times when compared with the figure for 2013. This trend was confirmed in 2015 with over 140,987 arrivals (31 October 2015). It is mixed migration flows, people who leave their countries in search of employment opportunities, better socio-economic conditions but also fleeing conflict, persecution and serious violations of human rights. The deterioration of the security situation in some neighbouring countries such as Libya, has aggravated a situation of grave instability that affected an area already suffering from major political and social changes and has encouraged the development of criminal and paramilitary groups who have often found in smuggling a particularly profitable business and functional to their growth and control of the territory.
The presence of IOM in the main landing sites puts the organization in a privileged position that allows you to monitor and investigate the phenomenon of trafficking and its continuous and sudden changes. However, this is a partial view which is built from the experience gained by organizations and associations concerned with the identification and assistance to victims in the area. Nevertheless, the organization believes it can make a number of recommendations and proposals for better management of the phenomenon and for a more rapid identification and protection of victims, in particular:
1. The IOM believes that a change in cultural approach to the management of the phenomenon of trafficking in human beings: it has proved necessary to experience action including the “end users” of such trade, with awareness campaigns (especially among the younger generations) that illustrate clearly what is behind the advertising of sexual services.
2. The repression of the phenomenon should not be limited to the protection of public order and decorum, but should include integrated measures to assist victims, starting with the defense of health and their safety.
3. The OIM points out the urgent need to adopt the National Plan on trafficking that would make operational effective protection of victims, including legal assistance, psychological and health. And “particularly important to increase the number of communities willing to accept the minor migrants”.
4. There should be a strengthening of the absorption capacity of the victims of trafficking who are identified as such already at the time of landing. This would ensure their immediate protection and they can be away from the exploiters, often in those vehicles barges. In this sense it would be useful to provide for the creation of protected areas, of “safe houses”, dedicated exclusively to these cases.
5. It is especially urgent to standardize the application of the share path to the judiciary. The Italian legislation is undoubtedly one of the most advanced in Europe in terms of protection of victims of trafficking, by making it possible to offer a period of reflection. In fact, some women do not want to immediately report their traffickers for fear of reprisals against their families. Still, the girls who do not immediately denounce their exploiters have more difficulty being protected. It would thus be generalized to make the application of a provision already exists in current law, precisely meant to offer protection to all victims regardless of the complaint of criminal responsibility.
6. The IOM considers it useful to formalize a steady referral system between the Territorial Commissions for the Recognition of International Protection and the National Anti-Trafficking system. Such cooperation would contribute to the emergence of the phenomenon and the protection of victims as required by law. It ‘also necessary to provide a structured collaboration between the National System Anti trafficking and the Mission Structure of the Department of Civil Liberties and Immigration of the Ministry in charge of managing the reception of unaccompanied minors arriving by sea to ensure’ immediate identification and protection of victims of trafficking minors.
7. The IOM finally believes it is essential to provide for a continuous updating system in favour of law enforcement, border authorities, and operators engaged in landing operations and the initial reception to be able to explain the phenomenon, contributing to an early identification and protection of victims of trafficking promptly and effectively.

Sono 181.476 i migranti arrivati in Europa via mare tra l’1 gennaio e il 25 aprile 2016. A riportarlo l’Oim, Organizzazione internazionale per le migrazioni, che monitora gli sbarchi lungo il mar Mediterraneo tra le coste di Spagna, Italia, Grecia e Cipro.
In Italia, tale dato arriva a 24.894 dall’inizio del 2016 a oggi, e in particolare 7499 tra l’1 e il 25 aprile, a cui si dovrebbero aggiungere le 1130 che stanno sbarcando in queste ore nei porti italiani dove sono attivi gli hotspots, i centri di identificazione voluti dall’Unione europea e gestiti da Frontex, l’ Agenzia Ue per il controllo delle frontiere. Tra l’1 e il 30 aprile 2015, ovvero nello stesso periodo dell’anno scorso, secondo dati del ministero dell’Interno erano arrivate 26.228 persone, quindi in linea con quanto sta avvenendo quest’anno.
Sin dal 2006 l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni collabora con il Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione del Ministero dell’Interno e le autorità italiane di frontiera nell’identificazione delle vittime della tratta di esseri umani in arrivo via mare. Negli ultimi anni l’OIM ha rafforzato tale impegno attraverso la stipula di appositi protocolli con le Procure Generali di Palermo e Reggio Calabria e ha instaurato una stretta collaborazione con le autorità inquirenti, il sistema nazionale anti-tratta, le comunità che vi fanno capo e i servizi sociali dei maggiori Comuni interessati dal fenomeno degli sbarchi. Nel 2014, l’OIM ha potenziato la sua attività di assistenza alle vittime con la creazione di due team anti-tratta specializzati che, oltre a fornire orientamento legale ai migranti appena sbarcati sui percorsi di protezione offerti dalla normativa vigente, svolgono un’attività di assistenza tecnica in favore degli operatori dei centri di accoglienza, delle forze dell’ordine e di tutti gli attori coinvolti nella gestione del fenomeno. Tali team, composti da esperti anti-tratta e mediatori culturali delle etnie maggiormente interessate dal fenomeno della tratta, affiancano il personale dell’OIM presente sin dal 2006 presso i principali luoghi di sbarco e nei centri governativi per l’immigrazione che svolgono in collaborazione con l’UNHCR un’informativa generale sulla normativa italiana in materia di immigrazione e asilo. L’esperienza maturata dall’OIM ha confermato la necessità di stabilire dei rapporti di stretta collaborazione con le autorità di frontiera, lo staff sanitario e le altre organizzazioni non governative presenti e impegnate presso i luoghi di sbarco per ottimizzare gli interventi di assistenza in favore dei migranti e individuare con tempismo i soggetti vulnerabili meritevoli di tutela. Nel 2014 il numero di migranti giunti sulle coste italiane ha registrato un sensibile incremento rispetto agli anni precedenti, con oltre 170.000 persone sbarcate: il quadruplo se confrontato con il dato del 2013. Tale tendenza è stata confermata nel 2015 con oltre 140.987 arrivi (al 31 ottobre 2015). Si tratta di flussi migratori misti, persone che lasciano i loro paesi in cerca di opportunità lavorative, condizioni socio economiche migliori ma anche in fuga da conflitti, persecuzioni e gravi violazioni di diritti umani. Il deteriorarsi delle condizioni di sicurezza in alcuni paesi vicini come la Libia, ha aggravato una situazione di grave instabilità che interessava un’area già provata da grandi cambiamenti politici e sociali e ha favorito lo sviluppo di gruppi criminali e paramilitari che hanno, spesso, trovato nel traffico di migranti un business particolarmente redditizio e funzionale alla loro crescita e al controllo del territorio.
La presenza dell’OIM nei principali luoghi di sbarco pone l’Organizzazione in una posizione privilegiata che le permette di monitorare e approfondire il fenomeno della tratta e i suoi continui e repentini mutamenti. Si tratta tuttavia di una visione parziale che va integrata dall’esperienza maturata dalle organizzazioni e associazioni che si occupano di identificazione e assistenza alle vittime sul territorio. Cionondimeno l’Organizzazione ritiene di potere formulare una serie di raccomandazioni e proposte per la migliore gestione del fenomeno e per una più rapida identificazione e protezione delle vittime, in particolare:
1. L’OIM ritiene necessario un cambio di approccio culturale alla gestione del fenomeno della tratta di esseri umani: si ravvisa la necessità di sperimentare interventi che includano gli “utilizzatori finali” di tale commercio, prevedendo delle campagne di sensibilizzazione (soprattutto presso le nuove generazioni) che illustrino con chiarezza cosa c’è dietro l’offerta di prestazioni sessuali.
2. Le attività di repressione del fenomeno non dovrebbero limitarsi alla tutela del decoro e dell’ordine pubblico, ma dovrebbero includere interventi integrati di assistenza alle vittime, partendo dalla difesa della salute e della loro incolumità.
3. L’OIM ricorda l’urgenza di adottare il piano nazionale sulla tratta che renderebbe operativa una protezione efficace delle vittime, che comprenda l’assistenza legale, psicologica e sanitaria. E’ particolarmente importante che aumenti anche il numero delle comunità disposte ad accogliere le migranti minorenni.
4. È necessario prevedere un rafforzamento della capacità di accoglienza delle vittime di tratta che vengono individuate come tali già al momento dello sbarco. Ciò consentirebbe di assicurare loro un’immediata protezione e di poterle allontanare dagli sfruttatori, spesso a bordo degli stessi barconi. In tal senso sarebbe utile prevedere la creazione di luoghi protetti, delle “case di fuga”, dedicate esclusivamente a questi casi.
5. È particolarmente urgente uniformare l’applicazione del percorso sociale a quello giudiziario. La legislazione italiana è senz’altro una delle più avanzate in Europa in termini di tutela delle vittime di tratta, prevedendo la possibilità di offrire un periodo di riflessione. Alcune donne, infatti, non vogliono denunciare immediatamente i loro sfruttatori per paura di ritorsioni contro i loro familiari. Eppure, le ragazze che non denunciano immediatamente i loro sfruttatori hanno più difficoltà ad essere protette. Si tratterebbe quindi di rendere generalizzata l’applicazione di una norma già esistente nella vigente legge, pensata appunto per offrire protezione a tutte le vittime a prescindere dalla denuncia dei responsabili del crimine.
6. L’OIM ritiene utile formalizzare un sistema di referral costante tra le Commissioni territoriali per il Riconoscimento della Protezione Internazionale e il Sistema Nazionale Anti Tratta. Tale collaborazione contribuirebbe all’emersione del fenomeno e alla protezione delle vittime così come previsto dalla normativa vigente. E’ necessario anche prevedere una collaborazione strutturata tra il Sistema Nazionale Anti tratta e la Struttura di Missione del Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione del Ministero dell’Interno che si occupa di gestire l’accoglienza dei minori non accompagnati che arrivano via mare per garantire un’immediata identificazione e protezione delle vittime di tratta minorenni.
7. L’OIM infine ritiene sia fondamentale prevedere un sistema di aggiornamento costante in favore delle forze dell’ordine, delle autorità di frontiera, e degli operatori impegnati nella gestione dello sbarco e nella prima accoglienza per potere comprendere appieno il fenomeno, contribuire ad una identificazione precoce e proteggere le vittime di tratta con tempestività ed efficacia.Sont-181,476 migrants arrivés en Europe par la mer entre le 1er Janvier et le 25 Avril 2016. A retourner l’OIM, l’Organisation internationale pour les migrations, qui surveille les débarquements le long de la mer Méditerranée entre les côtes de l’Espagne, l’Italie, la Grèce et Chypre.
En Italie, ce chiffre atteint 24.894 depuis le début de 2016 pour le présent, 7499, et en particulier entre 1 et 25 Avril, à laquelle il faut ajouter le 1130 qui atterrissait à cette époque dans les ports italiens où les points chauds sont actifs, les centres d’identification ont pris l’Union européenne et géré par Frontex, l’ ‘Agence européenne de contrôle des frontières. Entre le 1er et le 30 Avril 2015, soit dans la même période l’an dernier, selon les données du ministère de l’Intérieur, ils avaient atteint 26,228 personnes, donc en ligne avec ce qui se passe cette année.
Depuis 2006, l’Organisation internationale pour les migrations travaille avec le Département des libertés civiles et de l’immigration du ministère et les autorités italiennes frontalières à identifier les victimes de la traite des êtres humains arrivant par la mer. Au cours des dernières années, l’OIM a renforcé cet engagement par la signature de protocoles appropriés avec les procureurs généraux de Palerme et Reggio de Calabre, et a établi une coopération étroite avec les autorités chargées de l’enquête, le système anti-trafic national, les communautés qui font partie de vous et services sociaux des grandes municipalités touchées par le phénomène des débarquements. En 2014, l’OIM a élargi ses activités pour aider les victimes avec la création de deux équipes spécialisées anti-traite, en plus de fournir des conseils juridiques aux immigrants vient d’atterrir sur les programmes de soins offerts par la loi, exercer l’activité l’assistance technique en faveur des opérateurs des centres d’accueil, la police et toutes les personnes impliquées dans la gestion du phénomène. Ces équipes, composées de lutte contre la traite et de médiateurs culturels des groupes ethniques les plus touchés par le phénomène des experts de la traite aux côtés de l’OIM personnel présent depuis 2006 dans les principaux sites de débarquement et les centres gouvernementaux en matière d’immigration est réalisée conjointement avec le HCR des informations générales sur la législation italienne en matière d’immigration et d’asile. L’expérience acquise par l’OIM a confirmé la nécessité d’établir des relations de coopération avec les autorités frontalières, le personnel médical et d’autres organisations non gouvernementales présentes et engagés sur les sites d’atterrissage pour optimiser les interventions d’assistance aux migrants et identifier avec synchronisation les plus vulnérables méritent une protection. En 2014, le nombre de migrants sont arrivés sur les côtes italiennes a eu une augmentation significative par rapport aux années précédentes, avec plus de 170.000 personnes a atterri: quatre fois par rapport au chiffre de 2013. Cette tendance a été confirmée en 2015 avec plus de 140.987 arrivées (31 octobre 2015). Il est des flux mixtes de migration, les personnes qui quittent leur pays à la recherche de possibilités d’emploi, de meilleures conditions socio-économiques, mais aussi fuyantes le conflit, les persécutions et les violations graves des droits de l’homme. La détérioration de la situation de sécurité dans certains pays voisins tels que la Libye, a aggravé une situation de grave instabilité qui a affecté une zone qui souffre déjà de grands changements politiques et sociaux et a encouragé le développement de groupes criminels et paramilitaires qui ont souvent trouvé dans la contrebande une entreprise particulièrement rentable et fonctionnelle à leur croissance et le contrôle du territoire.
La présence de l’OIM dans les principaux sites de débarquement met l’organisation dans une position privilégiée qui vous permet de surveiller et d’enquêter sur le phénomène de la traite et de ses changements continus et soudains. Cependant, ceci est une vue partielle qui est construit à partir de l’expérience acquise par les organisations et associations concernées par l’identification et l’assistance aux victimes dans la région. Néanmoins, l’organisation estime qu’il peut faire un certain nombre de recommandations et de propositions pour une meilleure gestion du phénomène et pour une identification plus rapide et la protection des victimes, en particulier:
1. L’ OIM n’estime qu’un changement d’approche culturelle à la gestion du phénomène de la traite des êtres humains: il est apparu nécessaire de faire l’expérience des mesures, y compris les «utilisateurs finaux» de ce commerce, avec des campagnes de sensibilisation (en particulier chez les plus jeunes générations) qui illustrent clairement ce qui est derrière la publicité des services sexuels.
2. La répression du phénomène ne doit pas être limitée à la protection de l’ordre public et le décorum, mais devrait inclure des mesures intégrées pour aider les

victimes, à commencer par la défense de la santé et leur sécurité.
3. L’OIM souligne le besoin urgent d’adopter le Plan national sur le trafic qui rendrait une protection efficace opérationnelle des victimes, y compris l’assistance juridique, psychologique et la santé. Et «particulièrement important d’augmenter le nombre de communautés prêtes à accepter les migrants mineurs.
4. Il devrait y avoir un renforcement de la capacité d’absorption des victimes de la traite qui sont identifiés comme tels déjà au moment de l’atterrissage. Cela permettrait d’assurer leur protection immédiate et ils peuvent être loin des exploiteurs, souvent dans ces véhicules barges. Dans ce sens, il serait utile de prévoir la création d’aires protégées, de «maisons sûres», dédiée exclusivement à ces cas.
5. Il est particulièrement urgent d’uniformiser l’application de la voie de l’action à la magistrature. La législation italienne est sans aucun doute l’un des plus avancés d’Europe en matière de protection des victimes de la traite, en permettant d’offrir une période de réflexion. En fait, certaines femmes ne veulent pas signaler immédiatement les trafiquants par crainte de représailles contre leurs familles. Pourtant, les filles qui ne dénoncent pas immédiatement leurs exploiteurs ont plus de difficulté à protéger. Il serait donc être généralisé pour rendre l’application d’une disposition existe déjà dans la loi actuelle, signifiait précisément pour offrir une protection à toutes les victimes indépendamment de la plainte de la responsabilité pénale.
6. L’OIM estime utile de formaliser un système de référence stable entre les commissions territoriales pour la reconnaissance de la protection internationale et le système de la traite nationale anti. Cette coopération contribuera à l’émergence du phénomène et la protection des victimes conformément à la loi. Il est également nécessaire de prévoir une collaboration structurée entre le trafic Système national Anti et la structure de la mission du Département des libertés civiles et de l’immigration du ministère en charge de la gestion de l’accueil des mineurs non accompagnés arrivant par la mer pour assurer ‘ identification immédiate et la protection des victimes de la traite des mineurs.
7. L’OIM estime enfin qu’il est essentiel de prévoir un système de mise à jour continue en faveur de l’application de la loi, les autorités frontalières, et les opérateurs engagés dans des opérations de débarquement et la réception initiale pour être en mesure d’expliquer le phénomène, ce qui contribue à un identification précoce et la protection des victimes de la traite rapidement et efficacement.

Riscaldamento globale: riunione all’ONU per la ratifica dell’accordo di Parigi

  • 24 aprile 2016

Il 22 aprile scorso, 175 leader mondiali si sono riuniti presso la sede delle Nazioni per ratificare quanto stabilito. Per la prima volta nella storia dell’ONU oltre 175 Stati hanno firmato un accordo internazionale il primo giorno in cui viene aperto alla firma. Gli Alti rappresentanti dei Governi, inoltre, hanno parlato con spirito positivo sottolineando l’impegno ad agire rapidamente per rendere l’Accordo di Parigi una realtà, e affermando che la volontà politica non è mai stata così forte come ora.
La firma dell’accordo, del resto, costituisce solo un primo passo. Perché il testo entri in vigore e produca effetti concreti, almeno 55 paesi (che devono coprire almeno il 55 per cento delle emissioni globali), devono ratificare, approvare o accettare l’Accordo.
L’accordo entrerà in vigore 30 giorni dopo che almeno 55 paesi avranno presentato la ratifica a Ban Ki-moon.
L’accordo risulta particolarmente urgente se si considerano i dati relativi al riscaldamento globale: il mese scorso si è registrato il marzo più caldo che mai, dopo 11 mesi consecutivi di temperature record. Una delle peggiori siccità ha colpito l’Africa orientale e meridionale, il 93% della Grande Barriera Corallina è stato colpito dallo sbiancamento dei coralli e la calotta glaciale della Groenlandia sta affrontando una stagione anticipata di fusione dei ghiacci, con temperature record che hanno sfiorato i 20°C sopra la media.
Sono solo alcuni dei più recenti effetti del cambiamento climatico e si tratta del triste panorama contemporaneo in cui si è appena tenuta presso la sede delle Nazioni Unite di New York – in occasione della Giornata della Terra 2016 – la cerimonia della firma dell’accordo di Parigi, che ruota intorno all’impegno collettivo di mantenere il riscaldamento globale a 1,5°C rispetto all’era pre-industriale.
“E’ urgente fare di più – spiega l’associazione ambientalista – La superficie del nostro pianeta ha appena sperimentato i mesi più caldi mai registrati. E’ necessario avviare subito azioni molto ambiziose se vogliamo avere qualche possibilità di rimanere sotto la soglia di rischio estremo per i sistemi naturali della Terra e per le comunità umane più vulnerabili del pianeta”.
Perché la promessa di mantenere il riscaldamento globale sotto controllo, non resti solo sulla carta, i 195 Paesi dovranno arrivare a New York con impegni per azioni nuove e ambiziose da intraprendere entro il 2020 sulle energie rinnovabili, sull’efficienza energetica, sulla conservazione delle foreste, per mettere a disposizione finanziamenti per il clima e per la rapida uscita dall’utilizzazione dei combustibili fossili, che hanno condotto a questa drammatica situazione.
L’accordo nel dettaglio prevede che il rialzo della temperatura sia contenuto “ben al di sotto dei 2 gradi centigradi”, sforzandosi di fermarsi a +1,5°. Per centrare l’obiettivo, le emissioni devono cominciare a calare dal 2020.
Inoltre, a differenza degli accordi precedenti sul tema, questo coinvolge tutto il mondo: hanno infatti aderito i maggiori inquinatori oltre l’Europa, ossia la Cina, l’India e gli Stati Uniti, che si sono impegnati a tagliare le emissioni.
Il testo prevede un processo di revisione degli obiettivi che dovrà svolgersi ogni cinque anni. Tuttavia, già nel 2018 si chiederà agli stati di aumentare i tagli delle emissioni, così da arrivare pronti al 2020. Il primo controllo quinquennale sarà quindi nel 2023 e poi a seguire.
I paesi di vecchia industrializzazione erogheranno cento miliardi all’anno (dal 2020) per diffondere in tutto il mondo le tecnologie verdi e decarbonizzare l’economia. Un nuovo obiettivo finanziario sarà fissato al più tardi nel 2025. Potranno contribuire anche fondi e investitori privati.
L’accordo, inoltre, dà il via a un meccanismo di rimborsi per compensare le perdite finanziarie causate dai cambiamenti climatici nei paesi più vulnerabili geograficamente, che spesso sono anche i più poveri.
Le principiali critiche mosse da ambientalisti e scienziati riguardano , innanzitutto, la partenza non tempestiva. Secondo molti è rischioso stabilire nel 2018-2023 la prima revisione degli obiettivi nazionali sulla quantità di emissioni: se infatti il mondo continua a inquinare come sempre per altri tre anni, a quel punto sarà impossibile raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi.
Inoltre non è stata espressamente prevista alcuna data per l’azzeramento delle emissioni. Non è stato fissato un calendario che porti alla progressiva, ma totale, sostituzione delle fonti energetiche fossili. La richiesta degli ambientalisti era quella di arrivare a una riduzione del 70 per cento rispetto ai livelli attuali intorno al 2050, e raggiungere le emissioni zero nel decennio successivo.
Non è previsto una data per la decarbonizzazione dell’economia, probabilmente a causa dell’attività di lobby dei produttori di petrolio e gas.
I controlli saranno autocertificati, come richiesto dai Paesi emergenti, capeggiati dalla Cina. I paesi più industrializzati volevano, infatti, che fossero gli organismi internazionali a controllare il rispetto delle quote di emissioni, a differenza dai controlli Statali previsti dall’accordo di Parigi.
Non si è trovato un accordo sulle imputazioni delle emissioni di aerei e navi nelle tratte internazionali. È per questo, ma anche per il potere delle compagnie, che ancora una volta i gas di scarico di aerei e navi sfuggono a ogni controllo.
Quindici Paesi risultano già virtuosi: si tratta per lo più di Stati insulari e maggiormente minacciati dall’innalzamento del livello degli oceani, che hanno già ratificato l’accordo. Si tratta di Barbados, Balize, Fiji, Grenada, Maldive, Isole Marshall, Mauritius, Nauru, Palau, Palestina, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Samoa, Somalia e Tuvalu.
Diversi stati hanno annunciato l’intenzione di aderire all’accordo nel 2016, tra cui: Australia, Argentina, Camerun, Canada, Cina, Francia, Mali, Messico, Filippine e Stati Uniti. Altri paesi, tra cui Brasile, Unione Europea e la Federazione russa si sono impegnati a lavorare rapidamente per
Completare i passi necessari per l’adesione all’accordo.
La riunione tenutasi presso il palazzo di vetro ha il compito anche di impostare il lavoro per il successivo incontro di Bonn, alla riunione delle delegazioni dove si riprenderà il filo dell’incontro di Parigi concludendo ciò che era rimasto in sospeso. E’ dunque fondamentale che i leader mondiali non solo inviino segnali forti ai loro negoziatori, ma li istruiscano sugli elementi chiave necessari per dare concretezza all’accordo di Parigi.
Gli interessi alla base della pubblicità dell’accordo e delle pressioni alla rapida ratifica, tuttavia, non sono solo nobili. Infatti, oltre le associazioni ambientaliste, anche un ampio gruppo di investitori internazionali interessati allo sviluppo della green economy ha chiesto una rapida entrata in vigore e una rapida attuazione dell’accordo, con una lettera sottoscritta da diverse associazioni in rappresentanza di 400 investitori mondiali che gestiscono un patrimonio di circa 24.000 miliardi di dollari. Gli investitori sottolineano, molto pragmaticamente, che i Paesi che aderiranno presto all’accordo di Parigi avranno maggiore certezza normativa, e questo contribuirà ad attirare maggiori investimenti per la decarbonizzazione e per un futuro concretamente più sostenibile. Gli impegni a livello nazionale presentati da gran parte dei Paesi partecipanti alla COP 21, sono insufficienti a raggiungere i target dell’accordo.
Ad essere ambiziosi -e puntare al 100% di energie rinnovabili- sono grandissime imprese come Google, Apple, Microsoft, Nike, Mars e tante altre- e fondi di investimento che gestiscono oltre 24 trilioni di dollari.
Gli impegni sono abbastanza stringenti e, paradossalmente, proprio l’Unione Europea, che si è sempre vantata di essere leader della trasformazione, rischia di essere in ritardo con il processo di ratificazione, dovendo attendere che si esprimano i 29 parlamenti nazionali.
Sul Vecchio Continente, infatti, il discorso diventa ben più complicato e fosco. Lontano da essere un vero leader e un’efficace trascinatrice, l’UE è impantanata nella ‘distribuzione’ dei target nazionali di riduzione della CO2. Di solito apripista, l’Europa è oggi bloccata in attesa del pacchetto legislativo per il 2030 lanciato prima dell’estate.
Maroš Šefčovič, vice di Jean-Claude Juncker, si è impegnato per raggiungere i risultati per settembre: un conto alla rovescia che potrebbe spaccare l’Unione, coi ritardatari tagliati fuori dalla prima COP (riunione delle parti) dell’Accordo, dove verranno varati dettagli decisivi sui meccanismi di trasparenza di azioni (mitigazione, adattamento, copertura dei danni e perdite) e supporto (tecnologico, finanziario e di costruzione delle competenze organizzate) e sul controllo annuale del rispetto delle norme.
Il piano di Bruxelles è quello di presentare insieme sia la proposta di ratifica dell’accordo di Parigi sia gli obiettivi nazionali al 2030 di riduzione di CO2 per i settori non coperti dal mercato europeo delle emissioni (ETS), come agricoltura, trasporti e edilizia. Tuttavia, persino il non brillante Commissario al Clima Miguel Arias Canete è consapevole che il processo per assicurarsi il sostegno di 28 Governi diversi e 29 Parlamenti, inclusa l’Eurocamera, “prenderà del tempo”, ha detto alla cerimonia di New York.
Anche dentro i palazzi UE la voce non è unanime. “Dopo Parigi tutto il mondo si sta muovendo tranne l’UE”, spiega Bas Eickhout, vicepresidente del gruppo dei Verdi all’Europarlamento. Usa e Cina hanno già annunciato di voler ratificare l’accordo quest’anno, probabilmente intorno a settembre, in concomitanza con l’Assemblea Generale dell’Onu. “Questi due Paesi insieme contano circa il 40% delle emissioni, che con l’India diventano il 45%” afferma Eickhout, secondo cui “se si dovesse aggiungere anche il Giappone, dietro pressione degli Usa, l’entrata in vigore nel 2016 o 2017 diventa probabile, senza l’UE“. Siccome per entrare in vigore, l’intesa salva-clima ha bisogno della ratifica di 55 Paesi che coprano almeno il 55% delle emissioni globali, uno scenario verosimile è che questo possa avvenire senza il blocco dei 28 Paesi. Che, oltre a perdere credibilità come leader, potrebbe rimanere tagliato fuori dalle prime decisioni chiave su regole e procedure. Di tutt’altro avviso, invece, Giovanni La Via, Presidente della commissione Ambiente dell’Europarlamento. “Siamo 28 Paesi, è normale che il processo di ratifica sia più complesso e questa non è una gara, quello che conta è l’obiettivo, che si consegue insieme”, ha affermato.
Da notare, inoltre, che la battaglia a livello diplomatico non si è esaurita con Parigi. Perché dall’accordo è rimasta fuori la riduzione delle emissioni nei settori dei trasporti aerei e marittimi. Un dibattito che deve essere assolutamente affrontato a livello mondiale ma ostacolato dall’Organizzazione Internazionale Marittima e da quella dell’Aviazione Civile (Imo e Icao), ancora lontane dal varare una misura globale taglia-CO2. Ma anche su questo fronte pare che l’UE non stia al passo. Sempre secondo Eickhout l’Europa è concentrata su altri dossier, e non sta facendo grandi pressioni.
In questo contesto di paralisi l’Italia potrebbe giocare un ruolo importante in seno al G7, di cui ha la presidenza l’anno prossimo. Ma il disinteresse del presidente del consiglio per i temi ambientali è emerso con tutta evidenza in occasione del referendum sulle trivelle.
Per quanto riguarda gli interventi a carico dell’Italia, occorre partire dai dati diffusi dal Climate Report della Fondazione Sviluppo sostenibile: a livello globale le emissioni di gas serra nel 2014 e nel 2015 sono state stabili, nonostante l’aumento del Pil di circa il 3% l’anno. Ma in Italia nel 2015, dopo anni di calo (-20% al 2014 rispetto al 1990), le emissioni di gas serra sono addirittura aumentate del 2,5%. L’incremento, che interrompe una serie positiva di riduzioni, è dovuto alla crescita del Pil, al calo del prezzo del petrolio e del gas, all’aumento dei consumi energetici, a un rallentamento delle politiche di efficienza energetica e all’interruzione della crescita delle fonti energetiche rinnovabili.
Tra il 2005 e il 2012 l’Italia, nello sviluppo delle fonti rinnovabili, ha raggiunto dei risultati importanti anche grazie all’aiuto degli incentivi portando le energie pulite dall’8 al 16% del consumo nazionale, facendo meglio della media europea e collocandosi fra i leader mondiali. Ma nell’ultimo triennio, la situazione si è capovolta: secondo il dossier, le rinnovabili sono passate dal 16,7% nel 2013 al 17,3% del 2015, con una crescita modestissima, dello 0,2% all’anno ed è diminuita la quota di elettricità da fonti rinnovabili passando dal 43% al 38% tra il 2014 e il 2015.
Così facendo, pur avendo già centrato l’obiettivo europeo del 17% al 2020, l’Italia è molto lontana dall’obiettivo europeo del 27% al 2030 e anche dall’attuazione dell’Accordo di Parigi.
“Collocando l’obiettivo della variazione di temperatura in una posizione intermedia – fra i 1,5°C e 2°C – con l’Accordo di Parigi, l’Italia al 2030 dovrebbe ridurre le emissioni di gas serra intorno al 50% rispetto al 1990: ciò richiederebbe un forte impegno nel risparmio e nell’efficienza energetica con una riduzione dei consumi attesi di circa il 40% e un raddoppio della quota di fonti rinnovabili, dal 17,3% a circa il 35% del consumo energetico finale al 2030 e nel solo comparto elettrico, le rinnovabili dovrebbero soddisfare almeno 2/3 della domanda di elettricità” spiega la Fondazione.
Per attuare l’Accordo di Parigi, in sostanza, il nostro paese dovrà definire una nuova Strategia Energetica Nazionale con obiettivi ambiziosi al 2030. Un’impresa non semplice vista l’affezione italiana alle fonti fossili.

Metrofood-Ri: una rete europea per sicurezza alimentare

  • 9 aprile 2016

Il 30 marzo si è tenuto presso l’ENEA il primo incontro nazionale per la realizzazione e l’avviamento del nodo italiano di METROFOOD-RI che ha lo scopo di far incontrare tutti gli attori e i soggetti interessati.
Il progetto di nuova infrastruttura di ricerca pan-Europea guidato da ENEA (METROFOOD-RI) è stato valutato “emerging” per la sua eccellenza scientifica nel dominio “Health & Food”. Il progetto, coordinato dall’Italia, è attualmente supportato da Portogallo, Romania, Austria, Spagna, Grecia, Francia, Repubblica Ceca, Turchia, Moldavia, Repubblica di Macedonia, Repubblica di Slovenia e vede la partecipazione di 31 Partner di 15 diversi Paesi Europei.
Oltre a consentire lo sviluppo della ricerca e l’avanzamento delle conoscenze nei diversi ambiti disciplinari connessi al Sistema Agroalimentare, METROFOOD-RI potrà determinare il miglioramento della produzione e l’espansione dei mercati, promuovendo l’innovazione di prodotto e di processo e favorendo la competitività e la sostenibilità. Anche le istituzioni impegnate a garantire la sicurezza alimentare e a combattere le contraffazioni e gli organi territoriali che operano per migliorare la tutela e l’utilizzo delle risorse naturali potranno grandemente beneficiare di questa RI, in termini di migliorata efficienza ed efficacia del sistema dei controlli e maggiore affidabilità delle scelte decisionali su cui si basano le politiche territoriali e sociali. Oltre alle ricadute sulla salute in termini di migliorata sicurezza e salubrità delle produzioni, METROFOOD-RI potrà consentire un reale avvicinamento della scienza ai bisogni dei cittadini, il rafforzamento della fiducia dei consumatori e l’instaurarsi di quel circolo virtuoso di domanda e offerta che contribuisce a promuovere autenticità e qualità delle produzioni.
A livello nazionale METROFOOD-RI rappresenta una grande opportunità per integrare risorse e competenze scientifiche, allineare la ricerca e l’innovazione ai valori, ai bisogni e alle aspettative della Società e attuare le Politiche di convergenza e coesione. Questo primo incontro nazionale ha lo scopo di far incontrare tutti gli attori e i soggetti interessati, così da disegnare un percorso condiviso per la realizzazione e l’avviamento del nodo italiano di METROFOOD-RI.
propone di sostenere la ricerca scientifica, l’innovazione di prodotto e di processo e rendere sempre più efficaci i controlli in campo alimentare. Anche la FAO tra gli oltre 30 partner internazionali. A beneficiarne saranno i consumatori, le imprese e tutte le istituzioni impegnate a garantire la sicurezza alimentare e a combattere le contraffazioni.
METROFOOD-RI potrà contare su una infrastruttura “fisica” costituita da una rete diffusa di laboratori, ma anche da campi, fattorie sperimentali e impianti tecnologici per la produzione e la trasformazione dei prodotti alimentari in 15 Paesi europei. Una piattaforma web permetterà di condividere e di mettere a disposizione informazioni e dati.
L’iniziativa coinvolge un comparto, quello agroalimentare, che in Italia conta 58mila imprese con un giro d’affari di 133 miliardi di euro, mentre il cosiddetto italian sounding – il falso made in Italy – solo in questo settore ha superato i 60 miliardi di euro di fatturato, quasi il doppio del valore delle esportazioni dei prodotti originali.
“La metrologia per l’agroalimentare è un settore emergente – spiega Giovanna Zappa dell’ENEA, coordinatrice del progetto – che apre nuove possibilità sul fronte della qualità, della sicurezza e la rintracciabilità degli alimenti. Oltre a rafforzare la cooperazione internazionale e sviluppare metodologie e procedure armonizzate a livello europeo per eseguire misure chimiche e biologiche sempre più affidabili, con METROFOOD intendiamo avvicinare la scienza ai cittadini, rafforzando la fiducia dei consumatori verso la qualità e l’autenticità delle produzioni agroalimentari”.
La nuova infrastruttura di ricerca è stata presentata oggi a Roma presso la sede dell’ENEA nel corso del convegno “METROFOOD-RI: una nuova infrastruttura europea per lo sviluppo del sistema agroalimentare e la tutela dei consumatori”, al quale hanno partecipato, oltre a ricercatori dell’Agenzia, rappresentanti dei Ministeri dello Sviluppo Economico, Salute, Istruzione, Università e Ricerca, Politiche agricole e Affari Esteri, Agenzia per la Coesione Territoriale, ESFRI (European Strategy Forum for Research Infrastructures), APRE (Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea), Cluster Agrifood Nazionale, ISS (Istituto Superiore di Sanità), INRIM (Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica), CNR, CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura) e INVITALIA.
”Oltre a rafforzare la cooperazione internazionale e sviluppare metodologie e procedure armonizzate a livello europeo per eseguire misure chimiche e biologiche sempre più affidabili, con Metrofood intendiamo avvicinare la scienza ai cittadini, rafforzando la fiducia dei consumatori verso la qualità e l’autenticità delle produzioni agroalimentari”.